Archivio novembre 2011

Digital Signage, Ipad e robot per il nuovo ospedale di Bergamo

Digital Signage, iPad , robot, bisturi guidato. Sono alcune delle soluzioni tecnologiche che caratterizzeranno il nuovo polo ospedaliero di Bergamo. Migliaia di cittadini hanno partecipato all’open day di domenica 27 novembre per avere alcune anticipazioni, in attesa dell’apertura prevista per il prossimo anno, sul nuovo ospedale “Papa Giovanni XXIII” che sarà la più grande struttura sanitaria della Lombardia con 320 mila metri quadri di superficie e 1200 posti letto e che si candida ad essere una delle strutture più all’avanguardia del settore sanitario in tutta Europa.
L’Eco di Bergamo ha anticipato alcune delle novità, specie dal punto di vista dell’impiego di soluzioni tecnologiche, della nuova struttura ospedaliera.  Naturalmente le sale operatorie e gli ambulatori saranno dotati di strumenti diagnostici e chirurgici di alto livello, come ad esempio il bisturi guidato che su un monitor anticiperà al medico il percorso che il bisturi dovrà seguire durante l’operazione.  Ma la tecnologia sarà la parola d’ordine per l’intero ospedale.  Ad esempio si parla dell’utilizzo di iPad al posto delle tradizionali cartelle per i pazienti, di robot per la distribuzione di medicine, biancheria e cibo nei vari reparti  e un sistema di monitoraggio costante delle presenze del  pronto soccorso.  La biancheria e le divise di medici e personale, ad esempio, saranno dotate di un microchip. Le divise, dopo il lavagggio, potranno essere ritirate da un distributore automatico con touch screen, tramite il riconoscimento del badge.
Naturalmente anche ciascuna delle camere sarà perfettamente “tecnologizzata”:  condizionamento con pannelli radianti regolabile autonomamente in ogni camera, un televisore per ogni paziente con cuffie per l’ascolto. Naturalmente non poteva mancare un sistema di connessione internet wireless che copre l’intera area dell’ospedale.
Sistemi di Digital Signage istallati lungo Hospital Street, la strada che da accesso ai vari padiglioni dell’ospedale, consentiranno ai cittadini di avere informazioni utili per orientarsi all’interno della nuova struttura..

Bookmark and Share

, , , , , , ,

1 Commento

“Dai Megawatt ai Milliwatt”: l’innovazione ecosostenibile

InformaSistemi partecipa al workshop dal titolo “Dai Megawatt ai Milliwatt” che si terrà presso l’Hotel Mirasole International di Gaeta il 16 e 17 novembre. Il workshop, promosso dall’Osservatorio Economico per lo Sviluppo della Cultura Manageriale d’Impresa, ospiterà imprese, enti ed agenzie che offrono prodotti e servizi ecosostenibili. Tra queste, ci sarà anche InformaSistemi che da anni si impegna a coniugare innovazione e basso impatto ambientale, dedicando ricerca e sviluppo al Digital Signage.

Il Digital Signage, infatti, grazie all’utilizzo di maxischermi a led, totem informativi e bacheche digitali, dotati di software EDV Business,  al posto dei sistemi di cartellonistica tradizionale e materiale informativo cartaceo, permette di migliorare e rendere più efficace la comunicazione riducendo, allo stesso tempo, l’utilizzo di carta, in perfetta armonia, quindi, con le esigenze di eco-sostenibilità.

Durante la due giorni di Gaeta si svolgeranno due seminari dedicati alle politiche ambientali ed energetiche per le amministrazioni pubbliche. Proprio per le amministrazioni pubbliche il Digital Signage rappresenta una grande opportunità. Basta pensare che un’ amministrazione comunale di medie dimensioni consuma in un anno 200-300 quintali di carta.  Grazie alla digitalizzazione dei contenuti è possibile far sparire completamente il cartaceo in tutti i processi amministrativi, dalla preparazione degli atti alla loro approvazione. In questa direzione si è mossa, ad esempio, la Regione Lombardia: all’interno della Sala Giunta è stato installato un tavolo multitouch EdiT di InformaSistemi che permette appunto di gestire tutta la documentazione relativa agli atti amministrativi in modo digitale. Oltre ad un minor impatto ambientale, si potrà anche avere un notevole risparmio per l’amministrazione, quantificato in oltre 160 mila euro..

Bookmark and Share

Nessun commento