Articoli con tag ICT

Informa Sistemi agli studenti di ingegneria: cos’è il Digital Signage e come utilizzarlo.

locandina conferenza Informa Sistemi alla Sapienza

Cos’è il Digital Signage e come utilizzarlo per comunicare in maniera più efficace. Di questo tratterà la conferenza presentata da Informa Sistemi S.p.A. e ALAcom S.r.l. agli studenti di Ingegneria della Sapienza.

I relatori Andrea Caracciolo (direttore tecnico) e Maximilian Giurastante  (Multimedia&Web Communication Manager) mostreranno il funzionamento dell’innovativo software EDV Business su molteplici sistemi destinati a diverse soluzioni comunicative: dal Totem alla bacheca touch screen, dalla creazione dei palinsesti alle proiezioni interattive;  in un excursus tematico che avrà il suo epilogo nella presentazione dei progetti di maggior successo di Informa Sistemi.

La conferenza avrà luogo presso l’aula Grande del Chiostro in via Eudossana 18, il 6 Aprile dalle ore 9.30 alle 13.00

Programma:

Ore 09.30:  Registrazione partecipanti.

Ore 10.00:   Presentazione ed introduzione del Convegno (Informa Sistemi S.p.A. e ALAcom                                                                                                                   S.r.l.)

Ore 10.15:    Cos’è e come funziona il Digital Signage.

Ore 11.10:     Presentazione AISIF (Associazione Italiana Studenti Ingegneria Ferroviaria).

Ore 11.30:    Coffee break

Ore 11.45:   Informa Sistemi S.p.A. e i progetti di successo.

Ore 12.30:   Digital Signage e Web Tv-Come si crea un palinsesto.

Ore 12.55:   Chiusura dei lavori

 




 

 

 

 .

Bookmark and Share

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 Commento

Restyling alla Guess di Catania con il Ledwall Informa Sistemi

ledwall informa sistemi alla guess di catania

L’avventura dei fratelli Marciano inizia con “Merylin Jean”, il primo modello di jeans by Guess. Dagli esordi, la griffe ha fatto molta strada, divenendo un colosso internazionale nel mondodella moda, con migliaia di store in ogni nazione e si è dimostrata sempre all’avanguardia nella comunicazione del Brand.

Alla Guess di Catania Informa Sistemi ha fornito un sistema divideocomunicazione basato su schermi a Led di ultima generazione integrato all’innovativo server di gestione EDV Business.

Il Ledwall, installato all’interno del negozio, ha permesso di veicolare contenuti pubblicitari e informativi alla clientela, trasmettendoli nel tempo secondo palinsesti programmati in autonomia e configurati da remoto.

Prosegui la lettura »

Bookmark and Share

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 Commenti

Il Digital Signage in città. Missione: ridurre l’impatto ambientale, migliorare il decoro urbano e creare profitti.

digital signage informasistemi green economyIl Digital Signage rappresenta per le municipalità una grande opportunità di innovazione sostenibile. Soluzioni come maxischermi a LedTotem informativi e bacheche digitaliintegrate a software per la gestione dei contenuti in grado di supportare un network, sono l’investimento giusto per quelle amministrazioni che vogliano migliorare la comunicazione con la cittadinanza mantenendo la massima attenzione alle problematiche ambientali.

Questi sistemi, collocati nei parchi, nei musei, nelle piazze e in tutti i luoghi di interesse cittadino e di transito, sono utilizzati per diffondere notizie storiche e culturali sui luoghi e i monumenti, informazioni su orari di ingresso e costi, ma anche comunicazioni sul traffico stradale. La possibilità di aggiornare i palinsesti in tempo reale li rende strumenti indispensabili in caso di comunicazioni d’emergenza, mentre la possibilità di creare dei network informativi suggerisce la vendita di spazi pubblicitari sui supporti come efficiente modalità  di ritorno immediato dell’investimento.

Prosegui la lettura »

Bookmark and Share

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Nessun commento

Informa Sistemi per Istat: un esempio di conferenza verde.

Informa sistemi ecosostenibile alla conferenza ISTAT

Informa Sistemi ha curato l’allestimento tecnologico della decima conferenza nazionale di statistica di ISTAT, utilizzando i suoi sistemi di Digital Signage a basso impatto ambientale per far fronte a tutte le esigenze di informatività connesse all’evento.
Tra le tante soluzioni l’allestimento ha compreso l’installazione di monitor EDV touch screen in tutte le aree del palazzo dei congressi per accedere in tempo reale al programma, ai contenuti video, alla fotogallery, ai twitter dell’evento, ai profili dei relatori, ai poster utilizzati per le conferenze, alle news e alla mappa del palazzo dei congressi. I partecipanti hanno potuto scaricare tutti i materiali direttamente dal monitor tramite chiavetta USB appena dopo il termine di ogni conferenza.
Grazie  all’allestimento tecnologico di Informa Sistemi è stato possibile coinvolgere intensivamente i partecipanti al congresso attraverso visualizzazione e scambio di materiale divulgativo aggiornato in formato elettronico. Ciò ha permesso una notevole riduzione nell’utilizzo di stampe e conseguente riduzione dell’impatto ambientale.


mani mondo tecnologia sostenibile con il digital signage di informa sistemi




.

Bookmark and Share

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Nessun commento

Informa Sistemi: tecnologie a sostegno dell’ambiente.

Quando si parla di impatto e sostenibilità ambientale, una delle prime immagini che viene in mente sono le foreste distrutte per la produzione di carta. Da un pino di diametro medio e alto 15 metri si ricavano circa 159 risme di carta, ossia appena 79.500 fogli.

Per questo Informa Sistemi si impegna da anni a coniugare innovazione e basso impatto ambientale, dedicando ricerca e sviluppo al Digital Signage.

Il Digital Signage di Informa Sistemi si colloca perfettamente negli schemi della green economy: veicola i contenuti informativi utilizzando Totem,  MonitorLedwall con software EDV Business, che collocati all’interno o all’esterno dei luoghi pubblici o di transito, assolvono tutte le funzioni della cartellonistica tradizionale, ne implementano di molto l’efficienza e si dimostrano perfettamente ecologici.

Prosegui la lettura »

Bookmark and Share

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3 Commenti

Editoria: il futuro fra I-Pad, smartphone e altri Tablet

Non è più considerata un’eresia dare un prezzo ai contenuti del cyberspazio. A dirlo è Vittorio Colao, numero uno mondiale di Vodafone, assieme ad altri quattro top manager delle telecomunicazioni mondiali (Telefónica, China Mobile, At&t e América Móvil). Dal palco del Mobile World Congress di Barcellona, asseriscono coralmente che aveva torto chi diceva che nessuno sarebbe stato disposto a pagare i contenuti, e che il mondo delle apps sta dimostrando il contrario.

Le grandi telco mondiali stanno cercando nuovi business per sfruttare la potenzialità economica dell’esplosione del traffico dati e della banda larga mobile. Tale incremento è dovuto al successo contagioso degli smartphone, e l’attenzione è tutta puntata sulla possibilità di monetizzazione dei contenuti. L’industria della telefonia si appresta anche ad ingaggiare una delle battaglie più difficili e più impopolari: condividere gli investimenti nelle infrastrutture di rete con Google o Facebook, responsabili da un lato dell’affollamento di banda, e dall’altro della positiva generazione di traffico che fa da traino a tutti gli operatori del settore. “Niente più pasti gratis per chi fa uso massiccio dei nostri network senza contribuire al loro sviluppo”, ha dichiarato Colao, mentre il presidente di China Mobile ha sostenuto di “non stancarsi mai di chiedere piattaforme più interoperabili”. Alla fine però si ringrazia Android (quindi Google) per la sua capacità di essere traino per l’industria.

Si parla anche di libro elettronico . Numerosa la presenza di editori che guardano al digitale con grande interesse e di esperti internazionali, provenienti da paesi, come gli Stati Uniti, dove il mercato del libro digitale è già realtà.

Prosegui la lettura »

Bookmark and Share

, , , , , , , , , , , , , , , ,

Nessun commento

BETT 2011. Definite a Londra le nuove tendenze dell’educational technology.

FLYER BETT 2011 INFORMASISTEMI BLOG

Londra, 15 gennaio 2011- Il BETT 2011 è terminato, e le conclusioni tratte in seno alla più grande e più completa fiera mondiale di educational ICT, dettano le linee guida degli sviluppi prossimi della tecnologia applicata alla didattica.

BETT, alla prima edizione, si è già conquistato ampia considerazione a livello mondiale: è ufficialmente qui che le ricerche più recenti del settore e i prodotti più innovativi sono presentati al pubblico. Gli educatori che ambissero essere al passo con le tendenze e dotarsi degli strumenti più adeguati, non possono mancare all’appuntamento londinese.

Al ciclo di conferenze hanno assistito presidi e dirigenti scolastici, parlamentari con deleghe all’istruzione e alla tecnologia, rappresentanti dei sindacati della scuola e delle associazioni di insegnanti. In totale, i partecipanti hanno ascoltato 25 relatori tra tavole rotonde e dibattiti, per oltre 15 ore di contenuti altamente rilevanti riguardo le ICT nel settore dell’istruzione.

Negli stand della fiera ci si trova davvero di tutto. Dai nuovi iPad alle migliori imitazioni dei tablet della Apple, dotati di videocamera, microfono, casse e software per il riconoscimento della scrittura a mano, dai network per permettere agli insegnanti di monitorare meglio il lavoro degli alunni, ai sistemi che aiutano le scuole a risparmiare energia e denaro; ci si imbatte persino in un robo-sapiens che insegna a scrivere suscitando divertito stupore tra i presenti.

Il leitmotiv della manifestazione è stato la gestione del cambiamento. Intorno a questo concetto sono stati molti i temi affrontati dai relatori, tra i più caldi si annovera l’annoso problema dei tagli alla spesa sociale operati nel Regno Unito: dopo la decisione del governo di ridurre la spesa del settore pubblico per miliardi di sterline, come si può garantire un’offerta formativa al passo con le esigenze del ventunesimo secolo? È possibile coniugare la modernizzazione degli ambienti di apprendimento agli imperativi di austerity conseguenti ai tagli di budget? Prosegui la lettura »

Bookmark and Share

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Nessun commento