Articoli con tag ricerca

2012: l’anno del Digital Signage

Un incremento di affari di oltre il 20% e una sempre maggiore consapevolezza delle potenzialità del mezzo. Sono queste le previsioni per il Digital Signage che, secondo Lyle Bunn, uno dei più importanti analisti del mercato dei dynamic media, nel 2012, vivrà un vero e proprio boom.
In un articolo apparso su Digital Signage Today, Bunn afferma che a tra le aziende che operano in questo settore a risultare vincenti saranno quelle che investiranno costantemente nello sviluppo e nella ricerca. Bunn nell’indicare la direzione da seguire in questa ricerca, prende in prestito dal mondo giornalistico le famose 5W: who, what, where, when e why. Quindi, individuare i potenziali utilizzatori del mezzo, capire quali tipologie di messaggi veicolare, dove e quando presentare i contenuti e riuscire a rendere evidente a chi investe perché il digital signage risulta più efficace di altri mezzi nel raggiungere obiettivi di marketing e comunicazione.
Bunn inoltre sostiene che sarà il Digital Signage ad incrementare sé stesso:  il ritorno di investimento che questi sistemi garantiscono, infatti, porterà ad investire in nuovi progetti facendo si che il DS si affermi come una delle soluzioni più efficaci ed economiche in ambito comunicativo.

Prosegui la lettura »

Bookmark and Share

, , , , , , , , , , ,

Nessun commento

Digital Signage, Ipad e robot per il nuovo ospedale di Bergamo

Digital Signage, iPad , robot, bisturi guidato. Sono alcune delle soluzioni tecnologiche che caratterizzeranno il nuovo polo ospedaliero di Bergamo. Migliaia di cittadini hanno partecipato all’open day di domenica 27 novembre per avere alcune anticipazioni, in attesa dell’apertura prevista per il prossimo anno, sul nuovo ospedale “Papa Giovanni XXIII” che sarà la più grande struttura sanitaria della Lombardia con 320 mila metri quadri di superficie e 1200 posti letto e che si candida ad essere una delle strutture più all’avanguardia del settore sanitario in tutta Europa.
L’Eco di Bergamo ha anticipato alcune delle novità, specie dal punto di vista dell’impiego di soluzioni tecnologiche, della nuova struttura ospedaliera.  Naturalmente le sale operatorie e gli ambulatori saranno dotati di strumenti diagnostici e chirurgici di alto livello, come ad esempio il bisturi guidato che su un monitor anticiperà al medico il percorso che il bisturi dovrà seguire durante l’operazione.  Ma la tecnologia sarà la parola d’ordine per l’intero ospedale.  Ad esempio si parla dell’utilizzo di iPad al posto delle tradizionali cartelle per i pazienti, di robot per la distribuzione di medicine, biancheria e cibo nei vari reparti  e un sistema di monitoraggio costante delle presenze del  pronto soccorso.  La biancheria e le divise di medici e personale, ad esempio, saranno dotate di un microchip. Le divise, dopo il lavagggio, potranno essere ritirate da un distributore automatico con touch screen, tramite il riconoscimento del badge.
Naturalmente anche ciascuna delle camere sarà perfettamente “tecnologizzata”:  condizionamento con pannelli radianti regolabile autonomamente in ogni camera, un televisore per ogni paziente con cuffie per l’ascolto. Naturalmente non poteva mancare un sistema di connessione internet wireless che copre l’intera area dell’ospedale.
Sistemi di Digital Signage istallati lungo Hospital Street, la strada che da accesso ai vari padiglioni dell’ospedale, consentiranno ai cittadini di avere informazioni utili per orientarsi all’interno della nuova struttura..

Bookmark and Share

, , , , , , ,

1 Commento