On this site uses cookies and technicians, with your consent, cookies, profiling, and our third-party. To learn more click on the button MORE INFORMATION. By closing this banner, instead, you give your consent to the use of all cookies.

Regione Lombardia: al varo la giunta completamente digitale. 200 milioni l’anno risparmiati grazie a EDiT e PEC .

Milano, 12 gennaio 2011. Formigoni presiede il primo consiglio regionale della storia interamente digitalizzato:

La Sala Giunta è stata dotata di un tavolo multi touch EDiT-Informa Sistemi che attiva e gestisce la visualizzazione dei contributi multimediali sui monitor individuali di ogni amministratore presente in sala. Il segretario di giunta, attraverso EDiT, supporta il presidente nella conduzione della seduta: sfoglia ordini del giorno e provvedimenti, all'occorrenza ingrandisce o evidenzia singole parti del testo, di allegati, cartine, tabelle o grafici.

I consiglieri, Dopo aver visionato e manipolato i documenti con gli strumenti offerti dal tavolo aptico Edit, passano a deliberare avvalendosi del nuovo sistema di gestione delle operazioni di delibera: per tutti i tipi di approvazione  c’è la firma digitale, che può essere apposta anche da remoto. Questa è integrata alla gestione dell’archivio, dei protocolli e delle procedure di pubblicazione sul bollettino ufficiale, anch’esso interamente telematico. Infine la Pec (Posta elettronica certificata), consente la trasmissione degli atti ufficiali in modo rapido e sicuro.L’adozione di questo sistema d’avanguardia da parte della regione Lombardia è stata possibile grazie alla collaborazione  tra InformaSistemi, Sysline e Lombardia Informatica S.p.A.

 

Ogni anno la Pubblica Amministrazione archivia una quantità di carta pari al volume del Duomo di Milano. Oggi la Regione Lombardia dà l’addio alla carta e agli sprechi. La giunta digitale elimina completamente il cartaceo, spariscono le fotocopie anche in tutto l’iter di preparazione degli atti e della loro approvazione: verranno risparmiati ogni anno 2-3 milioni di fogli con conseguente risparmio economico (stimato in totale intorno ad alcuni milioni l’anno) e risparmio ecologico (evitando il consumo e l’immissione nei circuiti di smaltimento dei rifiuti di 200-300 quintali di carta).

"E' un sistema modernissimo - ha concluso il presidente - che ci permette di abbattere notevolmente i costi e di fare ancora più attenzione al rispetto dell'ambiente. Oltretutto la procedura che ci siamo dati va a tutto vantaggio dei cittadini, che potranno accedere agli atti, una volta pubblicati, in modo ancora più semplice".